HOME PAGE tassi di interesse aggiungi iaconet.com ai tuoi preferiti

imposta iaconet.com come pagina iniziale

Cerca nel sito nel web
 iaconet.com|  mappa del sito| segnala il sito| consulenza legale| legge & diritto| glossario finanza|    



tassi di interesse
  indice lezioni
  introduzione
 struttura e scadenza
  teorie: tradizionale
  ... premio e rischio
  ... segmentazione
  prime verifiche
  diff. breve e lungo
  mercati azionari
  frofitti & società
  mercati alternativi
  debito & azioni
  cambio tasso sconto
  verif. econometriche
  applicazioni pratiche
  mercati USA 76 / 92

Attività finanziarie alternative - azioni e obbligazioni



Le oscillazioni del tasso d'interesse esercitano anche un elevato impatto sul livello di competitività posseduto dalle varie attività finanziarie, in relazione alla loro capacità di attrarre capitali.
Si può ritenere quasi intuitivo che debba esistere un legame tra le azioni e gli investimenti ad esse alternativi in quanto, per uno stesso principio di convenienza economica, i vari rendimenti tendono a livellarsi.
Il rapporto più evidente è certamente quello esistente tra titoli azionari ed obbligazionari;
l'investitore esprime il proprio giudizio circa la convenienza relativa all'acquisto di azioni o obbligazioni.
Infatti se i tassi d'interesse salgono più rapidamente di quanto possa aumentare il livello dei profitti aziendali, le obbligazioni divengono sempre più convenienti:
un flusso di liquidità abbandonerà perciò il mercato azionario per dirigersi verso il mercato dei titoli a reddito fisso.
Le azioni diminuiranno i prezzi finché il loro livello non sarà di nuovo percepito dagli operatori come relativamente interessante.
L'effetto delle variazioni del costo del denaro su ogni specifico settore azionario saranno diverse a seconda del livello effettivo di profittabilità e a seconda delle aspettative sulle prospettive future;
generalmente i titoli più penalizzati saranno comunque le azioni di risparmio e privilegiate, che vengono detenute principalmente per la loro redditività.
Anche le azioni di aziende fornitrici di pubblici servizi (utilities) risultano essere fortemente e direttamente sensibili al tasso d'interesse;
non solo, come è stato precedentemente affermato, per il loro elevato grado di indebitamento, ma anche perché vantano generalmente tassi di dividendo piuttosto attraenti rispetto alle prospettive di un loro futuro aumento.
Al contrario le azioni delle aziende che attraversano una fase di forte espansione, e che provvedono al loro fabbisogno finanziario per buona parte mediante autofinanziamento, corrispondono bassi dividendi ed allo stesso tempo risultano scarsamente influenzate dall'evoluzione dei tassi d'interesse.
Queste azioni vengono acquistate generalmente allo scopo di anticipare un loro futuro elevato livello di profitti, piuttosto che al fine di ottenere un immediato rendimento.



Un indicatore che risulta molto importante per valutare l'andamento relativo dei rendimenti di obbligazioni ed azioni è lo yield to equity ratio;
questo indicatore rappresenta una misura del risk premium, cioè la remunerazione che l'investitore percepisce investendo su mercati rischiosi.
Lo yield to equity ratio viene costruito tramite il rapporto tra il rendimento delle obbligazioni (utilizzando usualmente i titoli di stato) e il rendimento delle azioni (generalmente espresso dal rapporto Price/Earnings).
Più tale rapporto è alto, più è un segnale positivo per l'investimento azionario, a scapito dell'investimento in obbligazioni.
La situazione contraria ha caratterizzato invece, ad esempio, il crollo del 1987 negli Stati Uniti:
i prezzi dei corsi azionari erano saliti in continuazione e lo yield to equity ratio era ad un livello storicamente molto basso, segnalando che in poco tempo gli investitori avrebbero ritenuto più conveniente investire in titoli privi di rischio.
Allo stesso modo all'inizio del 1994 le elevate valutazioni di borsa rispetto al tasso d'interesse avevano portato lo yield to equity ratio a livelli così bassi da ingenerare un elemento di forte preoccupazione tra gli analisti;
infatti il successivo aumento dei tassi ufficiali effettuato dalla Fed, ha evidenziato che la crescita dei profitti delle società sarebbe prima o poi decelerata.
Il mercato azionario ha dunque reagito negativamente, chiudendo l'annata borsistica con una variazione negativa rispetto ad inizio anno.
Per concludere questo paragrafo dedicato agli effetti delle variazioni del tasso d'interesse sulla propensione all'investimento in azioni, va ricordato che negli Stati Uniti accade frequentemente che l'investimento azionario venga finanziato attraverso il ricorso all'indebitamento (margin debt) e quindi la variazione del costo del denaro altera la convenienza a detenere tali posizioni.
Il margin debt è infatti il denaro prestato ai clienti dagli agenti di cambio americani, a fronte di titoli dati in pegno. Le conseguenze di tassi d'interesse crescenti sono evidenti;
il costo del debito aumenta e diventa quindi meno conveniente;
si manifesta perciò una avversione crescente degli operatori verso ulteriore indebitamento via via che il suo costo aumenta e, quando l'onere diviene eccessivo, alcuni titoli vengono liquidati e viene rimborsato il debito.
A parte il caso specifico americano, questa relazione dovrebbe essere tanto più valida quanto più il mercato oggetto di analisi si basa sulla speculazione, che per alimentarsi ha bisogno di facilità di ricorso al credito, di effettuare riporti a buon mercato, ... operazioni più difficili e costose in periodi di restrizione monetaria.



lezione precedente | lezione successiva



top torna ad inizio pagina

iaconet.com® è un marchio registrato Copyright . Tutti i diritti sono riservati.
Per info: e-mail  Leggi le nostre note legali & condizioni di utilizzo  Sede legale in caltanissetta ( Italy )