HOME PAGE analisi tecnica avanzata aggiungi iaconet.com ai tuoi preferiti

imposta iaconet.com come pagina iniziale

Cerca nel sito nel web
 Iaconet.com |  assicurazioni | mutui online | prestiti online | covered warrant | glossario finanza |    



analisi tecnica di basetecnica di base
  Indice corsi & lezioni
  Home tecnica avanzata
  grafici e figure
  le tendenze in analisi
  i grafici in analisi
  trend e congestione
  la tendenza avanzata
  la congestione avanzata
  gli indicatori in analisi
  indicatori di tendenza
  utilizzo degli indicatori
  la forza relativa
  lettura forza relativa
  coefficienti alfa & beta
  calcolo coefficente beta
  calcola coeffic. beta 2
  calcolo coefficiente alfa

Analisi tecnica avanzata di borsa
Caratteristiche degli indicatori e motivi degli insuccessi



Caratteristiche degli indicatori : alcuni programmi professionali di analisi tecnica includono decine e decine di indicatori, alcuni addirittura superano il centinaio, il cui unico scopo è sicuramente quello di rendere appetibile il programma agli occhi dell'utilizzatore che ritiene, così, di avere a disposizione una smisurata serie di possibilità alle quali attingere. In effetti, già dopo le prime sperimentazioni, ci si rende conto che ciascun indicatore presenta percentuali di insuccesso tali da risultare inefficace nella maggior parte dei casi.
Tali insuccessi sono dovuti essenzialmente a due fattori :
1) incapacità di qualsiasi indicatore a rilevare correttamente e tempestivamente determinati movimenti di mercato;
2) incapacità di qualsiasi indicatore a risultare adeguato a ogni fase di mercato.
Per quanto riguarda il primo aspetto, l'alternanza di successi e insuccessi porta automaticamente a dubitare dell'efficacia dei segnali di volta in volta ricevuti e, di conseguenza, a giustificare quel tipo di interferenza "ragionata" dell'operatore che finisce per compromettere anche quei casi in cui le indicazioni della tendenza suggerite dall'algoritmo potrebbero risultare assolutamente corrette.



Per quanto riguarda il secondo aspetto, invece, il successo, anche se parziale, dell'indicatore presuppone che l'operatore abbia fatto una preventiva e corretta analisi del mercato che lo abbia portato a identificare sia le caratteristiche del movimento sotto indagine (tendenza o congestione) che i tempi di sviluppo di tale movimento. E questo è un altro dei grossi punti deboli degli indicatori.
Per ciascuno, infatti, la teoria propone dei parametri pressoché standard che, in quanto tali, non sono assolutamente in grado di stare dietro alle caratteristiche tipiche di ciascuna fase di mercato; e pretendere di ottenere risultanze attendibili da un indicatore che utilizza parametri non sintonizzati sulle caratteristiche del movimento corrente (velocità, volatilità, etc.) appare eccessivo.
Esistono delle tecniche di ottimizzazione dei parametri degli indicatori, e cioè di adozione di quei parametri che si sono dimostrati più efficaci rispetto ad altri quando provati sulla serie storica disponibile.
Ma questi parametri ottimizzati, non solo non garantiscono un uguale successo in futuro, ma anzi, proprio perché forzati, in qualche misura, ad adattarsi alle caratteristiche della serie analizzata, possono addirittura presentare una minore flessibilità di quelli generici quando utilizzati nell'operatività corrente.






Cerca nel sito nel web
iaconet.com® è un marchio registrato Copyright . Tutti i diritti sono riservati.
Per info: e-mail  Leggi le nostre note legali & condizioni di utilizzo  Sede legale in caltanissetta ( Italy )